ORE 01:06

Basket, Megaride Napoli sconfitta in casa dal Venafro

La Megaride Napoli sfiora l'impresa contro la capolista Venafro. I ragazzi di coach Massimo Massaro, in partita per gran parte del match, cedono solo finale sotto i colpi dei più esperti giocatori avversari. Continua il processo di maturazione dei giovani azzurri.

La Dynamic parte subito a razzo: parziale di 3-12 al 3'. Pronta risposta degli azzurri, che in un lampo ritornano in partita: 18-22. Si arriva al fischio della prima sirena con il punteggio di 24-25. Nella seconda frazione arriva il sorpasso e il primo vantaggio dei padroni di casa: 42-38 al 18'. I molisani, con una serie di triple, tentano di ricucire lo strappo ma al fischio della sirena dell'intervallo lungo è 42-40 per Napoli.

Al rientro dagli spogliatoi si assiste ad un match combattuto ad armi pari. Venafro si riporta un passo avanti, 55-63 al 30'. Nel finale la Megaride si rimbocca le maniche, giocando di cuore e mettendocela tutta, ma l'esperienza e la maggiore precisione al tiro degli ospiti fa chiudere la partita con il punteggio di 74-82.


Tabellini:
Megaride Basket Napoli – Farmacia Sardella Venafro: 74-82

Megaride Basket Napoli: D'Angelo G., Mangiapia P.3 , Cristiano V. 17, Mangani D. 5, Arena R. 13, Tredici G. 11, Morgillo I. 7, Domenicone L. 6,Conte L. 3, Manzo A., Tammaro C. 9.Coach Massaro Massimo Ass.: Dragonetto, Eliantonio.
Farmacia Sardella Venafro: Cardarelli E., Mengoni A. 15, Cardarelli A., Ferraro D. 13, Minchella R. 4, Alesse A. 23, Jelic M. 2 Brusello A., Parlato S. 18, Trentini L. 7.Coach Arturo Mascio.
Parziali: 24-25, 42-40, 55-63, 74-82.

Share
 

Calcio

29 Ottobre 2014
Il Napoli non riesce ad ingranare. Padrone del campo dall'inizio alla fine, si fa beffare grazie alla solita disattenzione difensiva (stavolta di un irriconoscibile Albiol) che Denis sfrutta per il suo ennesimo gol da ex.
Gli azzurri trovano il pari meritato con Higuain, che poi però spreca tutto facendosi parare da un grande Sportiello (migliore dei suoi) il rigore della vittoria.

Altri sport

26 Ottobre 2014

Gli azzurri perdono ad Agrigento la loro prima gara giocata lontano da casa (81-75 dts). Coach Calvani: "Siamo una squadra nuova e che deve maturare, ma queste occasioni devono essere colte".