ORE 07:31

Basket, la BPMed Napoli si aggiudica il posticipo contro Treviglio

Seconda vittoria esterna in cinque giorni per il Napoli Basketball che si impone a Treviglio per 55-64.

Per gli azzurri, ora a quota 52 punti, è il dodicesimo successo lontano dal PalaBarbuto, nonostante i tanti infortuni: alle assenze di Rizzitiello e Porfido, infatti, si è aggiunta in extremis quella di Paolo Rotondo. I ragazzi di Maurizio Bartocci torneranno in campo domenica 1° aprile al PalaBarbuto (ore 18) per la partita contro l'Assigeco Casalpusterlengo, ultimo match interno della stagione regolare.

Come in occasione della trasferta vincente a Bari, per Napoli c'è ancora Sabbatino in quintetto al posto di Rizzitiello. Buon inizio per i partenopei che in 3' confezionano un parziale di 7-2 ispirato proprio dal play di Sant'Anastasia (6 punti nel primo quarto); Treviglio risponde con un contro-break di 6-0 grazie alle triple di Marino e Vitale per il primo vantaggio del match (10-9). Ma Napoli impone nuovamente una difesa aggressiva che forza 7 perse in 8 minuti: il contropiede di Musso sigilla il 12-18, poi Planezio e Marino riducono le distanze per il 17-20 al decimo.

L'inizio del secondo quarto vede come grande protagonista Nicola Bastone: i sei punti dell'ala spezzina portano i partenopei sul 19-26 al quindicesimo. I padroni di casa riescono a ricucire lo strappo ancora grazie a Marino e Vitale (20 punti per il duo nel primo tempo) per il 29-26. Sulla sirena però Gatti impatta con una incredibile tripla: all'intervallo il punteggio è 29-29.

Napoli esce dagli spogliatoi con grande determinazione: in poco più di due minuti break di 8-0 per il 29-37. Treviglio prova a contenere con Zanella e Vitale, ma la difesa partenopea continua a forzare palle perse e lanciarsi in contropiede; Gatti e Musso trovano canestri indisturbati, poi l'argentino (undici punti nel solo terzo quarto, a fine gara saranno 17 con 11 rimbalzi) realizza da tre per il 35-49. Time out per i padroni di casa, che si affidano a Borra per ricucire il divario: quattro punti del lungo e una tripla di Planezio mandano le due squadre all'ultimo riposo sul 45-51.

E' ancora Borra a colpire per i padroni di casa, che si riportano a -2 (52-54). Napoli non ci sta e con due triple di Gatti (16 punti per il capitano) e Lenardon allunga nuovamente sul 52-60 al 35' fino al successo finale per 55-64.

Tabellino:
Co.Mark Treviglio - BPMed Napoli: 55-64

Co.Mark Treviglio: Marulli, Planezio 8, Molinaro 2, Borra 12, Vitale 12, Cazzolato 3, Zanella 2, Fabi 3, Tomasini ne, Marino 13. All. Vertemati
BPMed Napoli: Sabbatino 8, Musso 17, Bastone 6, Gatti 16, Iannilli 8, Rotondo ne, Iodice ne, D'Avino, Guastaferro 2, Lenardon 7. All. Bartocci
Arbitri: Colasanti di Firenze e Fabiani di Lucca
Parziali: 17-20; 29-29; 45-51
Uscito per falli: Fabi

Ufficio Stampa Napoli Basketball

Share
 

Calcio

Altri sport

21 Maggio 2015

Le parole del responsabile dello staff atletico napoletano, Claudio De Michele: "Salvezza grande risultato. Lavoriamo sempre per una preparazione fisico-atletica funzionale al futsal".



  • 21.05.15 Altri Sport

    Le parole del responsabile dello staff atletico napoletano, Claudio De Michele: "Salvezza grande risultato. Lavoriamo sempre per una preparazione fisico-atletica funzionale al futsal".

  • 18.05.15 Calcio
    Due gol ed un assist di uno scatenato Mertens consentono al Napoli di battere 3-2 un Cesena intraprendente e senza remore e di rimanere in corsa per il terzo posto. Gli azzurri vanno sotto 1-0 con un gol di Defrel, rimontano in 2 minuti con il belga e Gabbiadini, ma a fine primo tempo si fanno raggiungere sul pari nuovamente da Defrel. E sempre Mertens, dopo un rimpallo in area, a trovare il gol di una vittoria sofferta e che lascia comunque molti dubbi in vista degli ultimi due incontri, ben più impegnativi, con Juventus e Lazio.
  • 10.05.15 Calcio

     

    Niente da fare: il Napoli ancora non approfitta del passo falso di chi le sta davanti. A Parma è solo 2-2, ma gli azzurri possono recriminare per un primo tempo disastroso con due gol degli emiliani (Palladino e Jorquera) ampiamente favoriti da Andujar, inframezzati dalla rete di Gabbiadini. Nel secondo tempo ci si mette un super-Mirante, che nega almeno 3 palle gol nitide agli azzurri, capaci "solo" di trovare il pari con Mertens al 72'. Nulla è compromesso, ma questi sono altri punti persi per strada, mentre Roma e Lazio ringraziano.